CICLISMO - L'incidente non frena il campione –Il Gazzettino.Sarà il sanvitese Mauro Defend direttore di organizzazione della Coppa del Mondo maniaghese a maggio e dei Campionati del Mondo ParalimpicoVersione stampabile


immagine sinistra
Quando il ciclismo è più che Passione. È amore. Di tonalità maggiore quest'amore è superato solo dalle sua radici, la famiglia che vive con la moglie Lorena e la figlia Elena. Lui è Mauro Defend, con due passati ciclistici da raccontare, Giovane e promettente allievo con 9 vittorie in canna. Il primo. Poi l'incidente di percorso, in quel 17 giugno del 1984, quando durante un allenamento un'auto lo investi, lasciandogli in eredità un grave trauma toracico, la frattura esposta del femore sinistro, paralisi del nervo sciatico e blocco renale. Roba da ammazzare un leone. Ma la passione per la bici, l'ha spinto in alto, fino a rialzarsi con le punte sui pedali, dopo 24 anni, per correre nella categoria paralimpica per la Società Ciclistica Fontanafredda. Anche qui la parola Amore torna ad essere colonna sonora della sua vita. Stavolta per gli altri. Nel 2012 tenta, e lo raggiunge, il record paralimpico delle 24h su pista, in "Io corro per Alice", a sostegno dell'Ail.

Km percorsi 688,816 alla media di 28,701 km orari, 1.722 giri percorsi L'apoteosi.

Passione e competenza che l'umile Mauro ha saputo mettere a frutto anche come speaker di gare ciclistiche e nella segreteria tecnica della società Pedale Sanvitese.

E ora la pregevole investitura di direttore organizzativo della prossima Coppa del Mondo di ciclismo paralimpico in programma a Maniago dal 12 al 14 maggio e dei Campionati del Mondo Paralimpici 2018, come recita l''articolo de Il Gazzettino.


 


03/03/2017

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Ottobre  >>
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Partner

  • Tesseramento Online
Superabile
IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico