SITTING VOLLEY – Parte il corso aperto a tutti. Dal 1° marzo. Promosso da Insieme per PordenoneVersione stampabile


immagine sinistra
Anche a Pordenone si potrà praticare il Sitting Volley. L'ASD Insieme per Pordenone organizza infatti un corso promozionale della disciplina per normodotati e diversamente abili.

I lavori inizieranno mercoledì 01 marzo 2017 presso la palestra di Via Vesalio a Pordenone e sarà tenuto da Marco Francescutto, giocatore della Nazionale Italiana di Sitting Volley.

ll corso avrà cadenza settimanale. Tutti i mercoledì, con inizio ore 20.30, fino a fine Maggio.

Il corso è totalmente gratuito. Sarà necessario solo il Certificato non agonistico. Ai fini assicurativi, si richiederà ai partecipanti solo la quota associativa di iscrizione (20,00 euro) che coprirà l' intero corso.


Per informazioni: Anna Ferin 333.2046035

info@insiemeperpn.it


Il Sitting Volley

ll sitting volley, che vede i suoi albori nei Paesi Bassi, è una variante della pallavolo, ne segue le regole di gioco e le loro modifiche da parte della FIVB.

Tre sono le regole fondamentali del Sitting Volley.

Prima regola. Al momento di toccare la palla l'atleta deve mantenere il contatto col pavimento con una qualsiasi parte del suo busto (normalmente, appunto, le natiche).

Seconda regola. Nel sitting volley è ancora possibile murare la battuta avversaria.

Terza regola. Nel sitting volley viene mantenuta la cosiddetta "palla contesa". Quindi, se la palla rimane bloccata sopra la rete tra le mani di due giocatori avversari, l'arbitro fischia il doppio fallo e lo scambio dovrà essere ripetuto.

 

Misure e Distanze

Il campo di gioco misura a 10x6.

l'altezza della rete nel maschile misura m 1,15 e nel femminile m 1,05.

La linea d'attacco è a 2 metri di distanza dalla linea mediana.

Il numero massimo dei giocatori ammessi a referto, è di 12 atleti, compresi anche i due eventuali Libero.

Nel sitting volley, inoltre, cambia il modo di individuare la posizione in campo dei giocatori: essa è assegnata dalle natiche anziché dai piedi.

Questa norma fa sì che i giocatori possano tenere le gambe a contatto col terreno di gioco durante la propria battuta, o invadere con i piedi il campo avverso, ma a patto di non disturbare l'avversario (in pratica, nel sitting volley non esiste il cosiddetto "fallo di invasione" dato dall'aver pestato il campo avverso).

 

Immagine locandina



11/02/2017

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Ottobre  >>
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Partner

  • Tesseramento Online
Superabile
IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico