TENNISTAVOLO – Inseguendo un sogno a cinque cerchi : rio 2016. Il il futuro è anche giovane. Doppio Bronzo per Giada RossiVersione stampabile


immagine sinistra
GIADA ROSSI 19 anni di Poincicco di Zoppola ai campionati mondiali U23 di Stoke Mandeville (Londra) dove nel 1944 nascono le paraolimpiadi, conquista la medaglia di bronzo nella graduatoria femminile ed il bronzo nella competizione a squadre (unica squadra mista).

Grande soddisfazione nell'ambiente pongistico, e come "premio" dal 24 al 31 agosto ancora allenamenti in ritiro con la nazionale che prepara i mondiali che si svolgeranno a Pechino dal 9 al 15 di settembre,

Dopo la prima giornata di gare agli IWAS World Junior Games arrivano già verdetti importanti per i nostri italiani impegnati nella fase eliminatoria.
Il sorteggio peggiore era capitato a Giada Rossi. Purtroppo la ragazza friulana non riesce a ribaltare i pronostici perdendo tutti e tre gli incontri(contro avversari maschi), nonostante prestazioni molto positive che denotano una crescita costante già vista nelle ultime uscite( oro a squadre in Romania).

L'impresa la fa, invece, Federico Falco capace di superare un girone difficile che lo vedeva impegnato con tre atleti di classe superiore. Dopo la sconfitta della prima partita per mano dell'inglese Bouron (3-0), Falco batte con un doppio 3-0 sia l'irlandese Henderson che l'emiratino Qurayshi, accedendo ai quarti di finale. Fanno ancora meglio Lorenzo Cordua e Francesco Lorenzini, nella classe 10, che ai quarti ci arrivano da primi del girone. Le puntinate lunghe abinate ad antitop non intimoriscono il giovane torinese Cordua che impone i suoi colpi su avversari ostici ma alla fine regolati agevolmente in tre set. Con altrettanta sicurezza vince i sui tre match anche il senese Lorenzini. Partito a razzo contro il kazako Kenzhebayeva e l'americano Alhushus (3-0 in entrambe le partite) deve lottare fino all'ultimo punto con il danese Tybirk, ma riesce a piegarlo grazie ad un ottimo inizio nel quinto e decisivo set.
Si riprende domani con gli incontri ad eliminazione diretta. Nonostante qualche pecca nell'organizzazione logistica, riscontrata all'arrivo, un'avventura unica per i nostri ragazzi, al di là dell'aspetto prettamente agonistico. Da ieri si trovano a vivere il villaggio olimpico con coetanei provenienti da 32 paesi in rappresentanza di tutto lo sport paralimpico. In hotel con Emirati Arabi, Kuwait, India, Hong Kong e Thailandia possono condividere sensazioni ed esperienze nuove con ragazzi che difficilmente avrebbero potuto incontrare, tutti insieme, in un unico luogo. In un momento come questo, in cui lo sport è costretto a riflettere su violenza e razzismo, un ottimo esempio su come educare le nuove generazioni.

Da considerare che Giada gareggiava con atleti maschili di categoria superiore, scarsa organizzazione con pulman che non arrivano, e quando arrivano sono privi di pedane per la salita (fatti salire a braccia), camere con letti alti e bagni non accessibili nel senso che la carrozzina non passa dalla porta, il brivido di un'allarme antincendio alle cinque di mattina con tre rampe di scale portata a braccia, ritardi delle gare con gli atleti che fanno i giudici, aggiornamenti risultati inesistenti, ecc. ecc.


Seconda giornata:

Ai quarti nel doppio con il coetaneo veronese Federico Falco vittoria per 3-1 contro la squadra irlandese vinti i due singoli, perso il doppio e punto decisivo del 3-1 da parte di Giada (3-0 contro l'avversario che aveva incontrato nel singolo perso 3-2)

Oggi semifinale contro gli avversari maschi di categoria 5 della formazione di Hong-Kong.

Primo singolo perso 3-1 da una stellare Giada con due set persi ai vantaggi.

Secondo singolo Falco sconfitto 3-0 e stessa sorte del doppio.

Troppo forte fisicamente (cat.5) la formazione asiatica, comunque una grande medaglia di bronzo per la Nazionale Italiana (cat. 1-3),

Nella semifinale maschile il doppio Lorenzini-Cordua batte agevolmente la formazione della Danimarca, accedendo alla finalissima persa 3-1 contro il forte duo misto Bulgaria-Repubblica Ceca.

La rappresentanza italiana ( tutti a medaglia) e' composta dal quattordicenne Cordua Lorenzo (Torino) oro nel singolo U16, Lorenzini Francesco (Siena) bronzo nel singolo U23, Falco Federico (Verona) e Giada Rossi bronzo a squadre, Lorenzini e Cordua

assistenti infermieristici Orlando Gilardi (Roma) e Eva Pittini (Gemona del Friuli), allenatore Donato Gallo (Napoli),



06/08/2014

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Ottobre  >>
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Partner

  • Tesseramento Online
Superabile
IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico