WHEELCHAIR HOCKEY – Super Madrācs Udine a Parma, vittoria 7 a 5 contro i Jaguars!Versione stampabile


immagine sinistra
Parma, 23 febbraio. Dopo la sconfitta di Bolzano vittoria di carattere quella di ieri [domenica 23 febbraio 2014, ndr] per i Madracs in terra parmense. Quintetto base formato da Bercaru tra i pali, Torcutti in difesa e pacchetto d’attacco con Marcon e Comino, guidati dai blocchi della De Cecco, capitano di giornata vista l’assenza di Cosatto. Restano a casa anche il bomber Nicolò Vadnjal, fermato all’ultimo da una maledetta influenza, il portiere Burelli, lo stick Moro e il giovanissimo attaccante Elia Filippin. In panca si accomodano Burtone, Campigotto e Minigutti.

I friulani partono con la testa altrove e si ritrovano sotto in pochi minuti per 3 a 0. La mancanza dell’esperto, nonostante l’età, Vadnjal si fa sentire e il neo-acquisto Comino soffre la responsabilità di dover caricare il peso della finalizzazione su di se. Tuttavia, quando tutto sembra ormai rovinato, da una mischia sbuca De Cecco che insacca di stick per il 3 a 1. Non passa molto tempo prima di rivedere in attacco i padroni di casa che sfruttano ancora le disattenzioni dei Madracs e riallungano sul 4 a 1. A questo punto coach Gessi, giustamente furibondo, si gioca un time-out e richiama la formazione ad usare il cervello. La sveglia suona nella testa dei nero-verdi che rientrano in campo con un piglio nettamente differente, accettando lo scontro fisico proposto dai sempre “ruggenti” Jaguars. I friulani fanno capire così di non avere più paura ed iniziano a macinare gioco. Samuele Marcon viene avanzato a fare da “torre” per i lanci lunghi di Comino che raramente riesce ad uscire dalla sua metà campo portando la pallina, visto il pressing avversario altissimo. La mossa strategica di coach Gessi inizia a funzionare e, seppur rischiosa in fase di copertura, ripaga i Madracs. Marcon infatti protegge palla là davanti e riesce ad attendere l’avanzata della squadra smistando interessanti palline ai compagni. Anche Comino inizia ad ingranare e la partita si fa davvero tosta, agonistica e rabbiosa e ci si porta sino al 4 a 4. A questo punto i padroni di casa cercano il riscatto e portano il proprio tabellone sul 5. I Madracs invece di disunirsi si caricano e vanno dapprima sul 5 a 5 ed infine trovano il tanto sognato vantaggio. Il settimo gol arriva nel finale e la firma sul sigillo definitivo è quella di Claudio Comino (cinque reti personali nella partita). Nella tabella dei marcatori va registrato anche Marcon che segna il gol importantissimo del 5 a 5. A parere di chi scrive quest’ultimo è il vero man of the match. Non è solo il numero di gol a contare per questo giudizio ma soprattutto la capacità di soffrire e lottare per la propria squadra. Questo ragazzo è riuscito a giocare una partita incredibile su una “carrozza” a dir poco spompata, è riuscito a segnare, a rubare palline in mischia e soprattutto ha messo con dei perfetti filtranti per due volte Comino di fronte al portiere avversario permettendo a tutti i friulani di esultare. A fine partita sono scese lacrime di gioia tra squadra e tifosi (anche tra quelli rimasti a casa), una gioia immensa per un risultato raggiunto con grinta, sacrificio, altruismo e mentalità. Una gioia incontenibile per la prima vittoria in trasferta che piazza i Madracs al terzo posto nel girone. Una vittoria davvero sentita e che riempie tutti d’orgoglio.

Ivan Minigutti



25/02/2014

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Dicembre  >>
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Partner

  • Tesseramento Online
Superabile
IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico